Oggi ti spieghiamo un qualcosa che sicuramente nel corso della tua vita potrebbe tornarti utile. Come da titolo, infatti, nelle prossime righe vedremo che cos’è il DLC nei videogiochi. Pronto caro lettore a scoprirne di più? Ti invitiamo a continuare la lettura.

DLC

Quasi tutti i principali videogiochi rilasciati hanno una qualche forma di DLC, che è il contenuto che puoi aggiungere a un gioco per espandere l’esperienza. Diamo un’occhiata ai moduli in cui è disponibile il DLC e al perché è così comune.

Che cos’è il DLC?

DLC sta per “contenuto scaricabile”. Sono contenuti digitali aggiuntivi che un giocatore può installare su un videogioco completo. Il DLC può essere distribuito online all’interno del gioco o tramite una piattaforma di gioco, come Steam o Playstation Store. A volte, potrebbe essere gratuito. Altre volte, potrebbe essere necessario acquistarlo separatamente o potrebbe essere incluso in pacchetti forniti con il gioco base.

Il DLC può comprendere un’ampia varietà di cose. Alcuni sono solo semplici cambiamenti estetici, come skin e voice over, mentre altri presentano aree, storie o meccaniche di gioco completamente nuovi che revisionano completamente il gioco.

Alcuni pacchetti di contenuti aggiungono centinaia di ore di tempo di gioco aggiuntivo. Gli sviluppatori usano spesso il DLC come un modo per aggiornare un gioco e mantenere i giocatori interessati per mesi (o addirittura anni) dopo la sua uscita iniziale.

DLC

Il contenuto scaricabile è, in molti modi, un naturale successore dei pacchetti di espansione. Il concetto di espansione del gioco derivava dal gioco di ruolo e dai giochi di carte. Hanno offerto agli editori un modo per aggiungere contenuti senza creare un gioco completamente nuovo. Le espansioni includevano spesso oggetti, personaggi o abilità che aumentavano la longevità di un gioco e mantenevano i giocatori attivi.

I pacchetti di espansione in seguito arrivarono ai videogiochi, principalmente ai giochi per PC. I pacchetti di espansione erano anche molto comuni nei massicci giochi multiplayer online (MMO), da Ultima Online a World of Warcraft.

Oggi, la parola “espansioni” si riferisce ancora a download costosi con molti contenuti.

DLC come monetizzazione

DLC
Molti editori utilizzano DLC come forma di monetizzazione aggiuntiva. Può costare da pochi centesimi al gioco base o più.

Gli sviluppatori di solito dividono il DLC in piccoli acquisti chiamati “microtransazioni” per monetizzarlo. Questi piccoli acquisti sono spesso oggetti, costumi o modalità di gioco giocabili. Le microtransazioni sono un modo particolarmente comune per monetizzare i giochi gratuiti.

Un’altra opzione che usano è il “pass stagionale”. Questi sono spesso venduti vicino al lancio iniziale di un gioco. Permette ai giocatori di scaricare tutti i DLC attuali e futuri rilasciati entro un certo periodo. Sono spesso confezionati a un prezzo inferiore rispetto a quando un giocatore li acquistava separatamente. Questi sono comunemente usati nei franchise di giochi che vengono periodicamente aggiornati in modo che i giocatori possano ottenere un flusso costante di contenuti fino al rilascio del gioco successivo.

Tuttavia, molte persone hanno criticato i pass stagionali, sostenendo che sono troppo cari e mancano di trasparenza. Poiché i giocatori non ottengono la maggior parte dei contenuti in un abbonamento fino a mesi dopo averli acquistati, è difficile determinare se valga il costo.

Inoltre, molti editori non includono DLC più costosi con i pass stagionali, ma tendono a venderli separatamente.

DLC generato dall’utente

Non tutti i DLC sono pubblicati dagli sviluppatori di giochi. Molti giochi hanno anche giocatori che creano contenuti di gioco e li rendono disponibili per il download. Il DLC creato da persone che giocano è spesso chiamato “mod”. I contenuti generati dagli utenti possono espandere i giochi in tutti i modi. Spesso porta anche a intercomunità e forum dedicati alla creazione, distribuzione e revisione delle mod di gioco.

Un fantastico esempio di questo è The Elder Scrolls V: Skyrim. Anche se Skyrim ha quasi nove anni, è ancora sede di una delle comunità di modding più grandi e attive dell’intera rete. Una rapida ricerca su Google porta a migliaia di guide, database e strumenti dedicati al modding di Skyrim. Ciò è dovuto, in gran parte, al fatto che Bethesda Game Studios (lo sviluppatore) ha progettato il gioco per essere amichevole e facile da modificare.

I contenuti della community possono estendere la longevità di un gioco anche dopo che uno sviluppatore ha interrotto l’aggiornamento. Ad esempio, Warcraft III di Blizzard è stato rilasciato nel 2003, ma ha ancora una comunità attiva di giocatori. Ciò è dovuto alle numerose mod che continuano a essere mantenute.

DLC ti dà di più da giocare

DLC
Mentre il DLC può portare ad alcuni schemi sospetti di monetizzazione da parte di grandi editori, ci sono molti esempi di aziende che lo usano per migliorare i giochi.

Un ottimo esempio di gioco che fa bene DLC è il gioco di esplorazione open world No Man’s Sky. Al momento del rilascio, è stato criticato per la mancanza di funzionalità promesse e contenuti distinti.

Tuttavia, da allora, il gioco ha offerto numerosi aggiornamenti DLC importanti e gratuiti. Tutti questi hanno ampliato il gameplay, aggiunto funzionalità multiplayer, aumentato significativamente la quantità di contenuti e reso il gioco più piacevole da giocare. No Man’s Sky ha ora una base di giocatori attiva e dedicata, e molte copie vengono ancora vendute ogni anno.

Se ami un gioco, l’opzione per averne di più da giocare è sempre un bonus. Ecco perché, nonostante tutti i suoi difetti, molti giocatori abbracciano ancora il DLC.

Se avete qualche dubbio o problema non esitate a scriverci qui sotto nel box dedicato ai commenti.

Consigliamo anche di leggere la seguente guidaTwitch cosa è? Qual’è il suo funzionamento