La seconda puntata, impara linux – corso linux – 2 puntata, per tutti coloro che hanno completato i passi citati nella puntata 1 Se questo è il tuo caso allora prosegui nel corso, altrimenti verifica che tutti i passi precedenti sono completati.

Continuando con la 2  puntata, avanzeremo con i comandi da shell linux per alcune operazioni importanti.

ls è un comando che elenca le informazioni su ogni file / directory. Basta eseguire il comando ls per visualizzare il nome di ogni file nella directory. Come con altri comandi, ls ha molti flag che possono manipolare l’output. Ad esempio ls -a mostra tutti i file / directory inclusi quelli che iniziano con il punto.

cat abbreviato per concatenare, fa esattamente questo, genera il contenuto dei file sulla console. Ad esempio, dato un file chiamato a.txt che contiene i dati “ciao visitatore”, cat a.txt produrrebbe ciao visitatore.

touch è un comando abbastanza semplice, crea file, ma per i più esperti modifica il timestamp. Dato il comando touch dati.txt, verrebbe creato dati.txt.

A volte ci saranno momenti in cui si desidera eseguire programmi scaricati o creati dall’utente. Questo viene fatto fornendo il percorso completo al binario, ad esempio supponiamo che scarichi un binario che non produce output, fornendo il percorso completo a quel binario lo eseguirà.

Ora che hai imparato le operazioni di base sui file, puoi risolvere la prima sfida! Questa sfida è piuttosto semplice, crea un file chiamato bomb.txt. su è un comando che consente di modificare l’utente, senza disconnettersi e riconnettersi. Ad esempio, se vuoi passare a shiba2 mentre sei l’utente shiba1, dovresti digitare su shiba2. Ti verrà quindi richiesta una password e se inserisci la password di shiba2 diventeresti shiba2

Questa sezione tratterà gli operatori più comunemente usati per interagire con i programmi. Gli operatori che verranno trattati in questa sezione sono “>, >>, &, && e $”. Durante le seguenti attività verrai a scoprire cosa fanno ciascuno di questi operatori.

> è l’operatore per il reindirizzamento dell’output. Ciò significa che è possibile reindirizzare l’output di qualsiasi comando su un file. Ad esempio, se dovessi eseguire echo “memoria finita” > hello.txt , invece di inviare “memoria finita” alla console, salverebbe l’output in un file chiamato hello.txt.

>> fa principalmente la stessa cosa di >, con una differenza chiave. >> aggiunge l’output di un comando a un file,quindi se avete inserito già una linea, invece di cancellarlo aggiunge una nuova al file.

&& significa come potresti aspettarti “e”.  && consente di eseguire un secondo comando dopo che il primo è stato eseguito correttamente.

Molto diverso da &&, e non ha nulla a che fare, & è un operatore in background, il che significa che esegui un comando che richiede 10 secondi per essere eseguito, normalmente non saresti in grado di eseguire comandi durante quel periodo; tuttavia, con & quel comando verrà comunque eseguito e sarai in grado di eseguire altri comandi.

$ È un operatore insolitamente speciale, in quanto viene utilizzato per indicare le variabili di ambiente. Queste sono variabili impostate dal computer, che vengono utilizzate per influenzare i diversi processi e il loro funzionamento. Ciò significa che se modifichi queste variabili puoi cambiare il modo in cui determinati processi funzionano sul tuo computer. Ad esempio, l’utente corrente viene sempre archiviato in una variabile di ambiente denominata $USER. È possibile visualizzare queste variabili con il comando echo. Ovviamente questo significa che le variabili d’ambiente possono essere usate come input anche per altri comandi, molto utile per verificare proxy, settins di sistema, a volte anche password con variabili di sistema.Le variabili d’ambiente possono anche essere impostate abbastanza facilmente, solo eseguendo export <varname> = <valore> lo imposterai come variabile d’ambiente.