Migliora il tuo SEO studiando la ricerca

Migliora il tuo SEO studiando la ricerca
geek
by geek Published on 03 Mag 2020

Qualcosa di tipico nel mondo del marketing. Tutti amano leggere hack e trucchi seo per ottenere migliori risultati nelle classifiche di Google. E farlo potrebbe darti alcuni risultati positivi, dal momento che alcuni aspetti della SEO sono di buon senso e facili da seguire.

Tuttavia, per padroneggiare davvero un canale di marketing, devi capire la sua logica e funzionalità fondamentali. Questo è particolarmente importante con SEO, perché dipende da una scatola nera a malapena prevedibile seguendo questo non conosciuto algoritmo di Google.

Ecco due fondamentali fondamentali per capire come funziona Google e classifica il tuo sito web.

Comprendi la sitemap

L’ottimizzazione degli articoli non è sufficiente, perché tutte le cose buone hanno bisogno di un sistema. Proprio come nella sitemap, in SEO non è sufficiente prendere un poco da ogni cosa. Il nostro prossimo passo dovrebbe essere quello di collegare queste pagine, ovvero creare una rete di contenuti. In particolare, stiamo parlando del collegamento interno dei contenuti sul tuo sito Web, ad esempio quando si collega da prodotti o articoli ad altri prodotti o articoli su un blog.

Importante qui è il Googlebot, che vaga su Internet ad intervalli regolari. “Esegue la scansione” di tutte le pagine visibili e dei loro contenuti e le inserisce nell’indice di Google, che popola i risultati della ricerca. È qui che possiamo quindi adottare un approccio strategico e utilizzare collegamenti interni per indirizzare Googlebot alle pagine più importanti del nostro sito Web, come prodotti del nostro negozio online o buoni contenuti come articoli, al fine di aumentarne in modo specifico la pertinenza e la forza su Google.

I collegamenti la forza degli algoritmi di ricerca moderni

Veniamo ora alla massima disciplina del SEO. Controverso, esplosivo, geniale oggi come in passato: link building. Ciò si riferisce alla distribuzione di collegamenti alla propria pagina su altre pagine di Internet (noto anche come backlink). Questi backlink portano probabilmente il fattore più importante dell’universo di Google sul campo di gioco del SEO: trust del sito.

In breve, solidi backlink attraverso la creazione di link ci garantiscono un buon rank. Il fondatore di Google Larry Page ha inventato PageRank, che ha permesso a Google di misurare la qualità di una pagina in base al numero di link che la puntano, tra le altre cose. Questa metrica è stata utilizzata come parte dell’intero algoritmo di classificazione ed è diventata un segnale forte perché inizialmente era un ottimo modo per determinare la qualità di una pagina. Nel suo primo articolo su PageRank del 1999, Larry Page scrisse: “Affinché una pagina ottenga un PageRank elevato, deve convincere una pagina importante o molte pagine non importanti a collegarsi ad essa”.

Questi backlink erano e sono ancora il fattore di classifica per eccellenza, che può garantire che tu raggiunga rapidamente lo stato tanto desiderato dell’autorità nella tua nicchia e aumenti nelle posizioni di classifica, ricevendo così un traffico significativamente maggiore. A rigor di termini, i backlink sono in realtà il fattore di classifica n. 1 che rimane se hai prodotto buoni contenuti e implementato correttamente i fattori SEO di OnPage e possiedi un sito ad alte prestazioni.

Storicamente, Google è stato in grado di dominare il mercato dei motori di ricerca solo alla fine degli anni ’90 utilizzando i backlink come fattore di classificazione nell’algoritmo di ricerca. Fino ad oggi, tuttavia, l’algoritmo completo utilizzato da Google per determinare i risultati della ricerca è ancora sconosciuto, poiché si tratta logicamente della “salsa segreta” dell’azienda. Nonostante ciò, il consenso generale nella comunità SEO internazionale è che i collegamenti svolgono ancora un ruolo importante in questo algoritmo.

Tieni presente che la SEO è sempre una pratica metodica in corso che richiede attenzione strategica e manutenzione regolare al fine di mantenere e infine migliorare le classifiche. I motori di ricerca adattano costantemente i loro algoritmi, quindi è importante tenersi aggiornati. Tieniti aggiornato sui tempi e il tempo non ti trascorrerà.

Ti consiglio di ottenere prima una comprensione di base dei compiti e delle funzionalità di SEO, quindi di consultare un esperto SEO per aiutarti a ottimizzare le tue strategie, tenere d’occhio i concorrenti e acquistare ulteriori conoscenze per la tua organizzazione. Oltre all’analisi delle parole chiave, all’analisi della concorrenza, alla creazione di link e persino alla gestione della reputazione online, ci sono molti altri metodi essenziali per ottenere il massimo dal motore di ricerca più grande del mondo per te e la tua azienda.